Adsense: esperimenti per migliorare il CTR

Se riferito a Google Adsense, il CTR ( Click Through Ratio ) è un numero che indica il rapporto medio tra il numero di volte in cui un insieme di annunci o un banner è stato visualizzato ed il numero di volte in cui è stato cliccato.

In considerazione del fatto che pertinenza (del contenuto) e posizionamento (all’interno della pagina) influiscono su questo indice possiamo ricavare informazioni utili a migliorarlo.

Il come per il momento non è una regola, varia da sito a sito, da blog a blog, ma nel mio piccolo sto sperimentando alcune soluzioni di cui che spero mi portino ad un incremento.

Il metodo (molto empirico) sfrutta i criteri di monitoraggio cercando di indentificare e ottimizzare la loro visualizzazione.

In pratica, dal pannello delle impostazioni di google adsense, nella sezione criteri di monitoraggio ho creato dei “criteri personalizzati” ai quali ho dato dei nomi riconducibili a sezioni del sito ( sidebar, header, fondopagina, referer, ecc …)

Google adsense criteri di monitoraggio

Fatto questo, è sufficente creare tramite il wizard un nuovo insieme di annunci (o insieme di link ), e prima di ottenere il codice da inserire nelle nostre pagine, selezionare i criteri con il quale monitorizzare l’annuncio.

Google adsense criteri annuncio

Adesso inizia il vero e proprio esperimento, in quanto Google adsense ci consente di “posizionare fino a tre insiemi di annunci e un insieme di link in qualsiasi pagina”, ma ci lascia liberi di scegliere posizione e formato.

Cercando di essere il più sistematico possibile ho stabilito un periodo di prova di 14gg, e dopo aver individuato varie combinazioni di formato/posizione sto sperimentando quelle che rendono maggiormente.

La scelta delle posizione deve essere bilanciata con il layout del sito, e deve essere un giusto compromesso tra visibilità/usabilità.
Con questo voglio intendere che il posizionare l’annuncio nel mezzo di un post forse rende di più, ma dobbiamo essere disposti ad accettare che per alcuni lettori possa essere fastidioso.

Personalmente ho raggiunto questo compromesso: con una funzione che verifica i referer, se il visitatore arriva da un motore di ricerca visualizzo annunci con un impatto visivo più forte, mentre durante una navigazione “naturale” ne ho limitato la presenza.

Per le “tavolozze di colore” per il momento mi sono limitato a utilizzare i colori già presenti sul sito, (modificando quindi quelle suggerite di default ) ma non escludo che finita quasta prima fase possa sperimentare combinazioni di colore diverse.

Ad oggi, i miei esperimenti mi portano a dire che gli annunci in homepage rendono pochissimo, in quanto, essendo visualizzati post i cui argomenti differiscono, Google Adsense non riesce ( o perlomeno ci riesce molto raramente ) a rendere pertinente l’annuncio.

Per il momento è tutto. Qualcuno ha qualche altro suggerimento ??

Pubblicato da .:: Maurizio Pelizzone

WordPress Lover

Unisciti alla discussione

3 commenti

  1. “Ad oggi, i miei esperimenti mi portano a dire che gli annunci in homepage rendono pochissimo, in quanto, essendo visualizzati post i cui argomenti differiscono, Google Adsense non riesce ( o perlomeno ci riesce molto raramente ) a rendere pertinente l’annuncio.
    Per il momento è tutto. Qualcuno ha qualche altro suggerimento ??”

    Posso darti solo una dritta per ora, dopo un minimo di test sul mio blog.

    Non si tratta solo di post differenti, anche perchè generalmente molta gente arriva dai motori di ricerca e vede la pagina a post singolo.
    Avere tante categorie “confonde” in un certo senso AdSense che si trova parole chiave di argomenti anche molto diversi tra di loro. Prova a prendere 10 categorie a caso della tua colonna e prova a pensare a cosa ne potrebbe venir fuori di sensato.
    Fossi in te, le ridurrei un pochino di numero.

    Spero di esserti stato utile.

    Ciao
    TH

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.