Nella cuccetta di un treno …

Un tedesco un polacco e un italiano stanno viaggiando insieme nella cuccetta di un treno.
Entra una donna bellissima e si siede nella cuccetta con loro.
Ad un certo punto passano sotto una galleria e si sentono il rumore di un bacio seguito dal rumore di uno schiaffo.
Il tedesco pensa:"Il polacco deve avergli dato un bacio e lei pensando che fossi io ha dato uno schiaffo a me"
Il polacco pensa:"L’italiano deve avergli dato un bacio e lei pensando che fosse il tedesco gli ha dato uno schiaffo"
L’italiano pensa:"alla prossima galleria faccio il rumore del bacio e dò un altro schiaffo al tedesco!!!"

Via messenger da tony …

Bush in una scuola elementare …

Bush va in una scuola elementare e la maestra dice ai bambini che sono
in classe che possono fare qualsiasi domanda al presidente; allora si
alza il piccolo Bob e dice -signor presidente, io avrei 3 domande per
lei:

  1. Perchè ha deciso di fare la guerra contro l’Iraq senza il consenso dell’ONU?
  2. Perchè ha voluto fare tanto male al popolo iracheno?
  3. Perchè al primo mandato e stato eletto senza la maggioranza dei voti?

pero’ bush non fa in tempo a rispondere poiche suona la campanella
della ricreazione e tutti i bambini corrono via contenti.

al termine della ricreazione la maestra dice che i bambini possono
fare tutte le domande che vogliono a bush; allora il piccolo Sam si
alza e dice -signor presidente, io avrei 5 domande per lei:

  1. Perchè ha deciso di fare la guerra contro l’Iraq senza il consenso dell’ONU?
  2. Perchè ha voluto fare tanto male al popolo iracheno?
  3. Perchè al primo mandato e stato eletto senza la maggioranza dei voti?
  4. Perchè la ricreazione è iniziata 20 min prima ?
  5. Dov’ è il piccolo Bob?

Lo so, è vecchia, ma quando l’ho riletta ho riso per 5 minuti …

preghiamo insieme …

Donami la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che non posso accettare e la saggezza di nascondere i corpi di coloro che ho dovuto uccidere oggi perché mi hanno rotto le palle ieri.

Aiutami a stare attento ai piedi che pesto oggi, perché potrebbero essere collegati al culo che dovrei baciare domani.

Aiutami sempre a dare il 100% al lavoro: 12% al lunedì, 23% al martedì, 40% al mercoledì, 20% al giovedì e 5% al venerdì.

Aiutami a ricordare (quando ho proprio una brutta giornata e sembra che tutti cerchino di rompermi le palle) che ci vogliono 42 muscoli per aggrottare il viso e solo 4 per stendere il mio dito medio e mandarli a cagare!

Come al solito … grazietony

acqua

Durante una spedizione in solitaria nel deserto del Sahara un esploratore si perde. Cammina e cammina sotto il sole cocente, cercando di razionare la pochissima acqua che ha con se. Dopo giorni e giorni, ormai allo stremo delle forze e senza più acqua, vede finalmente un cartello. Vi si avvicina e legge: “ACQUA” con sotto il simbolo di una freccia. Seguendo la direzione indicata dalla freccia il povero esploratore procede nel deserto per alcune ore fino ad incontrare un altro cartello con su scritto: “ACQUA” e la solita freccia. Ormai è al limite della disidratazione e riesce a malapena a camminare. La pelle è completamente ustionata e si sta spellando come un serpente durante la muta, le labbra sono spaccate e sanguinanti per quanto sono secche. La sua bocca è priva di salivazione e la lingua è diventata ruvida come il velluto. Ma a spingerlo a proseguire è l’istinto di sopravvivenza e la speranza dettata da quei benedetti cartelli. Dopo altre ore di cammino nella direzione della freccia scorge un altro cartello. Stenta a leggerlo fra i tremori dell’aria rovente che sale dalla sabbia, ma alla fine si avvicina e legge di nuovo: “ACQUA” insieme ad una ennesima freccia. Il bivio è tra la morte e l’ultimo sforzo per potersi finalmente dissetare. Il suo unico pensiero fisso e costante è quello di buttarsi a faccia avanti in un’oasi e bere fino a scoppiare.
Cammina fino a che perde le forze e crolla a terra, prosegue strisciando fino ad un altro cartello sul quale legge: “FUOCHERELLO”…

Anche questa volta lo “spacciatore” è tony

Stili di vita

Un turista inquadra nel mirino un quadretto idilliaco: un uomo in abiti semplici che sonnecchia in una barca da pescatore tirata a riva, dove le onde si frangono sulla sabbia. L’otturatore scatta, il pescatore si sveglia. Il turista gli offre una sigaretta e inizia una conversazione: “Il tempo è splendido, il pesce non manca, perché lei se ne sta qui a far niente invece di essere in mare a pescare?”.
“Perché ho già pescato abbastanza stamattina”, risponde il pescatore.
“Ma provi a pensare”, continua il turista, “se lei uscisse tre o quattro volte al giorno, potrebbe pescare tre o quattro volte quello che pesca adesso! E allora sa cosa succederebbe?”. Il pescatore scuote la testa. “Nel giro di un annetto potrebbe comprarsi una barca a motore”, dice il turista. “In un paio d’anni potrebbe comprarsene una seconda e in tre potrebbe avere un cutter o due. E allora pensi! Un giorno magari arriverebbe a potersi comprare un impianto di surgelamento o un affumicatoio, alla fine potrebbe addirittura avere un elicottero per avvistare i branchi di pesci e segnalarli alla sua flotta di cutter, oppure potrebbe acquistare i camion per trasportare il pesce nella capitale, e a quel punto…”.
“A quel punto?” chiede il pescatore.
“A quel punto”, conclude trionfalmente il turista, “potrebbe starsene tranquillamente sulla spiaggia, a sonnecchiare al sole e a contemplare l’oceano!”. Il pescatore guarda il turista: “È esattamente quello che stavo facendo prima che arrivasse lei!”.

tratto da un racconto di Heinrich Böll

sull’argomento : http://www.anarca-bolo.ch/a-rivista/286/47.htm

Pensiero cinese

Siate come la piccola supposta che quando è chiamata a fare il suo dovere lo fa fino in fondo, e senza mai guardare in faccia nessuno.
Si mette subito in cammino cercando umilmente la propria strada e se qualcuno le si para davanti dicendole con presunzione ed arroganza: “Lei non sa chi sono io!” intimamente sa già che non può essere altro che uno stronzo ….

che altro aggiungere …

I perchè della vita …

La maggior parte di queste simpatiche domande le conoscerete già però visto che sono sempre divertenti le pubblico lo stesso….

  1. Quando un bancario muore viene seppellito in una cassa costosa o in una cassa di risparmio?
  2. Le Suore Orsoline vanno in letargo?
  3. I pendolari vengono tutti da Pisa?
  4. Un portiere stanco di giocare va in paranoia?
  5. Un povero aperitivo meridionale tira a Campari?
  6. La colf è una domestica tedesca che va a benzina?
  7. Con uno stipendio da fame si possono nutrire dei dubbi?
  8. Il prete che viene ricoverato in ospedale quando esce è curato?
  9. Su un InterCity i Milanisti li picchiano?
  10. Un tornado all’andata cos’è?
  11. La porcospina è un distributore di birra per maiali?
  12. I fiori che amano il buio vanno messi nel vaso da notte?
  13. Poiché al ristorante il mafioso aveva chiesto il pizzo, la mafiosa per non essere da meno chiese la pizza?
  14. La via Crucis che CAP ha?
  15. Se volare è così sicuro, come mai quello dell’aeroporto lo chiamano Terminal?

Torino citta magica.

E’ proprio vero che Torino è una citta magica.
Pare che sia nel triangolo esoterico: Praga Torino Lione.
Ma Torino è la piu magica di tutte.
Si capisce da subito.
Perchè fa sparire le cose.
Prima il salone dell’automobile, poi la Telecom, mezza Rai e adesso ci sparisce anche la Fiat.
Che magia.
Tra poco scomparirà anche il Po, Superga e Porta Nuova.
Standing ovation.
Però avremo la metropolitana.
Cosi gli operai potranno andare a Mirafiori in un battibaleno.
Arriveranno li, troveranno la fabbrica chiusa e ritorneranno a casa.
Tutto in meno di dieci minuti. Sim sala bim.

Speriamo almeno che il Natale ci porti qualcosa.

Che non siano solo i Savoia.

Ringrazio Tony per la segnalazione …

Purtroppo non so chi sia l’autore … se qualcuno ne conosce la paternità me lo faccia sapere

Barza #1

era troppo bella per non condividerla …

Una professoressa universitaria stava terminando di dare le ultime informazioni ai suoi alunni sull’esame che avrebbero fatto il giorno seguente.
Terminò dicendo che non ci sarebbero state scuse per chi non avesse partecipato all’esame, a meno che non si fosse trattato di un
incidente grave, infermità o morte di un qualche parente prossimo.
Un tipo spiritoso che stava seduto in fondo all’aula domandò con una certa aria di cinismo:
– Tra questi motivi giustificanti, possiamo includere la stanchezza estrema per attività sessuale? L’aula scoppiò a ridere mentre la professoressa aspettava pazientemente che l’uditorio si calmasse.
Quindi, mirò al pagliaccio e gli rispose:
– Questo non è un motivo di giustifica. Poiché la prova sarà un test, può venire e scrivere con l’altra mano… o può rispondere in piedi, se non può sedersi…!

Ringrazio Tony per la segnalazione

il Programmatore

Ringrazio Francesco Demuro per la segnalazione …

( sull’ aria de “il Pescatore” di De Andre’ )

All’ombra dell’ultimo sole
si addormentò un programmatore
tra le sue braccia un manuale
sognando il mare tropicale

Venne alla ditta un committente
con un progetto inconsistente
delle richieste da far paura
“prima di ieri perché ho premura”

E domandò un lavoro immane
con le specifiche più strane
“io voglio tutto e pago niente
ho fretta sono un committente”

Gli occhi dischiuse il softwarista
un video l’unica sua vista
dall’alba grigia fino a sera
incatenato alla tastiera

Battendo i tasti a mo’ di ossesso
e trascurando cibo e sesso
riuscì un bel giorno a consegnare
una release preliminare

E si sentiva ormai contento
ma fu sollievo di un momento
già richiamava quel cliente
“qui non funziona un accidente”

Ricominciò il programmatore
a faticar per ore ed ore
sopra un problema assai intricato
nascosto dentro ad un listato

Venne di nuovo il committente
disse “così è meglio che niente
è tuttavia per me importante
fare una piccola variante”

Ma all’ombra dell’ultimo sole
dormiva già il programmatore
tra le sue braccia un manuale
sognando il mare tropicale