Un plugin per provare e testare nuovi template

Odio ammenterlo ma sembra che la strada dell’inferno sia proprio lastricata di buoni propostiti e questa cosa del nuovo template sta diventando una maledizione.

In questi giorni, dopo aver aggiornato alla 2.7 ho provato a lavorarci un po’ sù ma mi sono reso conto che per la fase di test avevo bisogno di provarlo online.

Tutto questo preambolo per raccontarvi di questo plugin per wordpress: Theme Test Drive.

Il funzionamento è molto semplice in quanto non fa altro che cambiare il tema corrente visualizzando il “nostro blog” con quello indicato in una variabile passata via querystring.

In pratica aggiungendo “?theme=xxx” al nostro indirizzo url potremo indicare quale template utilizzare.

In verità nelle ultime versioni non si limita a fare solo questo ed un po’ come One Click Plugin Updater permette anche l’installazione di nuovi template fornendo semplicemente il link al file zippato.
(ndr. chissa se questa funzionalità verrà integrata direttamente nel core in una delle prossime versione…)

theme-test-drive-easy-theme-installation

Passando adesso alla parte un po’ più tecnica possiamo dire che il plugin sfrutta un hook che si chiama proprio “template“…

add_filter(‘template’, ‘themedrive_get_template’);

… e dopo aver controllato la presenza del parametro “theme” restituische il nome varibile in modo che il motore possa generare la pagina a partire dal nuovo tema.

La stessa cosa viene fatta anche per i fogli di stile:

add_filter(‘stylesheet’, ‘themedrive_get_stylesheet’);

Tra le opzioni disponibili è anche possibile definire il tema da provare che sarà “visibile” solo all’account amministratore.

Trovo molto comodo questo modo di lavorare in quanto mi permette di provare online qualsiasi tipo pagina con i contenuti reali senza la necessaità di creare ambienti di test separati.

Se qualcuno per provare e testare usa metodi diversi sarei curioso di saperelo.

La Lista dei desideri di Save The Children

La corsa al regalo natalizio, per molti, è già cominciata. Manca poco più di una settimana.
Prima che sia troppo tardi, e dietro l’invito di BuzzParadise ho pensato che, nonostante il periodo di crisi, sia giusto aiutare chi ha meno di noi.

Save the children: Lista dei desideri

Ho quindi deciso di partecipare al buzz per supportare Save The Children, nella promozione della Campagna per la Lista dei desideri, un sito dedicato a raccogliere fondi per migliorare le condizioni di vita dei bambini di tutto il mondo in maniera originale e divertente.

Continue reading “La Lista dei desideri di Save The Children”

Arco4web: servizio ERP gratuito

In questo post voglio segnalarvi un ERP (Arco4web), ovvero un gestionale evoluto per la gestione aziendale.
Giusto per essere trasparenti è bene dirvi che ho collaborato personalmente con la software house che lo ha sviluppato, ma voglio sottolineare che NON si tratta di una marchetta.

La nuova versione che vedrà la luce ad inizio 2009 vuole dare uno scossone al settore proponendo una versione gratuita distribuita sotto una logica SAAS.

In pratica una volta scaricato ed installato il client si potra accedere al server, (che risiede nella webfarm di sinapsi). Una volta autenticati si potranno effettuare le varie operazioni come bolle, fatture, ordini clienti, causali contabili, gestione iva, ecc…

Il bello di questa cosa è che una volta installato il client potrò accedere ai miei dati da qualsiasi postazione.
La prima obiezione a questa cosa potrebbe essere il problema della sicurezza dei dati ma per questo è garantito da un “patto” che lascia poco al caso…

Come tutte le aziende anche Sinapsi deve guadagnare qualcosa dal proprio lavoro e così, affianco all’offerta completamente gratuita ne esistono altre che possono interessare a realtà un po’ più grosse.

Vorrei invitare chi fosse interessato a provarlo. La procedura di registrazione è molto veloce ed in caso di problemi o dubbi è presente un bel forum di supporto.

Questo che segue è il video di presentazione, ma sul loro canale youtube sono stati preparati molti screencast in cui vengono presentate la varie funzionalità.

Se vi ho incuriosito potete avere altre informazioni sul sito si Arco4web, magari partendo dala pagina “Cos’è Arco4Web

Twilight: swarovski vegetariani

Uno nella vita pensa che i vampiri si nutrano di sangue umano ed abbiano problemi ad andare in giro durante il giorno. Poi arriva un film che senza darti nessuna spiegazione trasforma il tuo bel vampiro in uno swarovski vegetariano.

Diciamo subito che ci troviamo di fronte al primo capitolo di una saga che sulla carta sta par pubblicare il “quinto“. Questo per mettere le cose in chiaro ed assere consci di andare a quardare un Herry Potter versione vampiri e licantropi.
A dire le verità le analogie con il personaggio della Rowling non sono tantissime ma l’atmosfera che trasuda a me in qualche modo la ricorda molto.

twilight: swarovski vegetariani

Ma torniamo al discorso del vampiro che in questa occasione vengono disegnati come mostri che si nutrono di sangue animale dalla pelle sberluccicante.
Mi dicono che anche altri scrittori come Anne Rice, l’autrice de “Intervista col vampiro“, ha fatto andare in giro il loro personaggio di giorno ma qua ci troviamo di fronte ad un vero e proprio swarovski che alla luce del giorno “brilla“.
Bhe ecco, se posso sorvolare sul fatto che bevano sangue animale e non umano (i primi vampiri vegetariani della storia), questa cosa della pelle luccicante proprio non riesco a digerirla.

Continue reading “Twilight: swarovski vegetariani”

WordPress 2.7 – update

Questa mattina ho aggiornato questo blog ed anche qua sembra che sia tutto ok.

bacheca-wordpress-27

L’unico “problema” riscontrato è stato con Lighter Menus che se attivato fa “sparire” la barra del menu laterale.
Per arrivare al pagina di gestione plugin, che mi avrebbe permesso di disattivarlo, ho dovuto digitare l’indirizzo manualmente (nomesito.com/wp-admin/plugins.php).

Già che c’ero ho disattivato anche Admin Big Width che con questo aggiornamento è diventato completamente inutile.

Finito l’aggiornamento, fatto con il plugin automatic upgrade, in bacheca avevo un avviso che mi indicava la presenza di un ulteriore aggiornamento: Si trattava della localizzizzazione in italiano.

Ho quindi colto l’occasione per provare l’aggiornamento automatico nativo… che è fallito per problemi di permessi sul server. 🙁
Ho provato quindi a fare un chmod resettando i permessi e questa volta è andato tutto liscio.

Per chi è in hosting questa cosa potrebbe dare qualche fastidio ma qualche giorno ho leggevo di una modifica al file di configurazione che dovrebbe risolvere aventuali problemi.

Concludo con un un piccolo commento che ho chiesto all’amico di ieri.

Molto più chiaro, molto più evidente, molto più intuitivo.

Mi hanno aggiornato WordPress alla versione neonata 2.7 e sembra che i miei blog non subiscano danni gravi.
L’impressione è che l’impostazione delle pagine sia più vicina alle capacità del blogger medio… diciamo non professionista.

All’apertura trovi tutto lì in qualche riquadro ed una banda laterale che fa da menù. Immediata la gestione dei post e delle pagine, dei media e naturalmente dei commenti. Come anche quella dei link presenti nel blog.
Insomma è tutto già pronto nella barra laterale.

Interessante per avere un panorama del proprio lavoro il box col numero di post, pagine, categorie e quant’altro (ma ho il dubbio che mai mi servirà praticamente) e molto interessante il box per il Quickpress. In pratica se avete uno scoop improvviso da pubblicare prima di tutti dovreste essere in grado di farlo (!!!)
Ora naturalmente aspettiamo wordpress 2.7 alla prova dell’uso quotidiano per scoprire cosa è perfetto e cosa invece funzionava meglio prima.

p.s. (importante)
L’impressione è che sia anche un pò più veloce…

WordPress 2.7

Attenzione!!!
E’ stato rilasciato wordpress 2.7.

… lo voglio dire dato che nessuno lo sta facendo e non vorrei che questo importate avvenimento passasse inosservato.

Io l’ho provato sul blog di un mio cliente amico in cui erano stati installati giusto un paio di plugins ed è andato tutto bene.
Prima di procedere all’aggiornamento ho comunque verificato la compatibilità del tema e dei plugins installato dato che alcune vecchie funzioni ormai obsolete sono state rimosse.

Il cambio di interfaccia, di cui molti parlano bene, mi preoccupa molto.
Chi ci lavora ogni giorno si abituerà molto in fretta ma per chi usa usa il blog sporadicamente prevedo parecchia resistenza.

Ormai in molte realtà aziendali wordpress è usato come CMS ed il pensiero di dover programmare un giro di istruzione mi spaventa un po’ in quanto il passaggio alla 2.3 e poi alla 2.5 aveva causato non pochi problemi.

Detto questo penso che aspetterò il prossimo Gennaio per procedere con i vari upgrade.

[polemica ON]Mi chiedo se Matt ha minacciato tutti gli utilizzatori di wordpress invitandoli a scrivere di questa nuove release pena il blocco permanente del blog…
Va bene il news mastering ma non è possibile che milemila persone debbano scrivere la stessa cosa senza aggiungere nulla di nuovo. Almeno un commento personale sarebbe stato gradito. [polemica OFF]

Drupal Day Italia 2008

Nonostante la neve ed i 30′ minuti di ritardo accumulati dal treno sono riusciuto a raggiugere la sede dell’auditorium del politecnico in tempo.

I talk della mattina mi hanno permesso di avere un idea delle tecniche e delle problematiche relative alla costruzione di moduli e template, anche se a conti fatti mi sembra che wordpress regga pittuosto bene il confronto.

La mia senzazione è che worpress renda più veloce la creazione di piccoli plugin anche se devo ammettere che probabilmente nella creazione di personalizzazioni importanti Drupal possa aiutare a scrivere codice più pulito.

Il sistema di template non mi convince ma la mia penso sia una repulsione per tutti i sistemi di template engine.

Curiosa l’idea di integrare lo Zend framework per rendere ancora più portibile il codice fancendo sì che Drupal si occupi solo del rendering ma vedo che anche altri ci hanno già pensato.

Aspetto di sentire il talk su CCK che sembra essere una delle “killer application“…

Con quanto sentito sino ad ora penso che le uniche cose che mi possono spingere ad usare Drupal siano il sistema di cache integrato ed una gestione dei dati più orientata alle tecniche ORM.

Un ultimo appunto sull’organizzazione che forse ha dato un taglio eccessivamente entry-level.

Controllo degli accessi su SSH

Questa mattina controllando i report di alcuni server relativi al traffico generato ho visto qualcosa di alquanto anomalo.

Il grafico che vedete rappresente l’attivita del protocollo ssh e come potete osservare dalle 4.30 alla 6.30 qualche simpatico amico a tentato un brute force.

Da una prima analisi non sembra essere successo nulla di grave in quanto dai log si può vedere un banale tentativo di dictionary attacks.

Sotto potete vedere una parte del log restituito da questo comando:

# cat /var/log/auth.log | grep ssh | grep “invalid user”

Nello stesso modo ho poi verificato gli accessi “autorizzati” e fortunatamente non ne risultano altri oltre a quelli fatti dal sottoscritto:

# cat /var/log/auth.log | grep ssh | grep Accepted

E’ anche vero che nel caso in cui il nostro hackers fosse riuscito ad accedere avrebbe potuto eliminare una parte dei log ma voglio pensare che avrebbe eliminato tutti i riferimenti al suo ip.

Anche se considero l’attacco fallito ho cercato in rete come evitare questo tipo di attacchi e come in tante altre occasioni la ricerca è durata meno di un minuto: Preventing SSH Dictionary Attacks With DenyHosts

DenyHosts è un tool di sicurezza scritto in Python per server SSH. È pensato per prevenire attacchi brute force verso server SSH monitorando i tentativi di login invalidi nel log di autenticazione e bloccando gli indirizzi IP. (via wikipedia)

Dopo aver verificato se il pacchetto fosse già presente nei repository debian ho provveduto al solito:

# apt-get install denyhosts

Una veloce occhiata al file di configurazione per modificare la mail a cui inviare gli avvisi sui nuovi hosts bloccati ed un controllo lo script fosse in funzione come servizio sono al momento sufficenti per <s>farmi dormire tranquillo</s> rimandare di 24 ore le prossime analisi.

Forse ci siamo

Sembra incredibile ma il momento sembra essere arrivato: sto per mettere su il mio nuovo tema per wordpress.
Sembra ieri ma ne parlavo più di un anno fa, poi millemila cose hanno fatto sì che non ne avessi mai avuto occasione.

miziomon v.5 - wordpress themes
miziomon v.5 - wordpress themes

In questi giorni invece una serie di eventi mi hanno portato a migrare ad Apache2 e mettere su php5 (ho un post in canna a questo proposito), aggiornare wordpress e fare pulizia tra i plugins e categorie.

In questi cambi normalmente c’è sempre qualcosa non funziona: in caso riscontriate problemi vi chiedo quindi di segnalarmelo in modo cha possa provvedere a sistemarlo.
Grazie.

5 Servizi per fare Email Marketing

In passato mi è capitato di sviluppare con ASP un sistema di email marketing che in fase di invio gestisse la sostituire dei link presenti nella mail con dei link univoci capaci di tracciare i singoli click dettagliando chi, dove e quando aveva affettuato l’azione.
Non contento, durante il redirect, veniva effettuato un controllo sul tipo di browser, sul SO ed anche sull’IP per fornire una geolocalizzione.

A suo tempo pensavo di aver fatto qualcosa di veramente completo, ma confrontato con alcuni dei servizi presenti adesso sul mercato risulta decisamente obsoleto.

E’ per questo che oggi, alle persone che mi chiedono un servizio di mailinglist, finisco per proporre un servizio esterno che tra le altre cose, nei casi in cui gli invii siano “consistenti”, permette di non dover pensare al problema carico del server & traffico generato.

Ecco quindi 5 servizi che permettono di creare, inviare e controllare i risultati generato dalla vostra dem.

Continue reading “5 Servizi per fare Email Marketing”

Piccole storie nella Storia di Puglia

Interrompo il mio silenzio per una segnalazione particolare:

Chi mi conosce sa bene che la letteratura (e ancor più la poesia) non sono certo tra le mie passioni.

Non potevo però certo far finta di niente quando Gabriele (il mio amico poeta) mi ha mandato il link per scaricare gratuitamente il suo nuovo libro.

Così l’ho sfogliato provato a leggerlo.

Beh… non mi addentro in un’analisi letteraria della poesia e nemmeno in considerazioni sulla storia della Puglia che lui racconta in maniera così… “particolare” però non posso far finta di niente di fronte allo stile utilizzato.

Piccole storie nella Storia di Puglia

Se avrete voglia di scaricare Piccole storie nella Storia di Puglia troverete una serie di poesie scritte in una maniera decisamente strana che proprio non potrete fare a meno di chiedervi come cavolo gli sia venuto in mente.

Per chi vuole, grazie a lulu.com, è disponibile il download gratuito ed eventualmente condividere le vostre impressioni direttamente sul suo blog

wp-holidays howto (1/2)

Se avete letto un po’ in giro avrete visto che la scorsa settimana insieme a due tizi abbiamo rilasciato un piccolo e semplice plugin per wordpress che permette di visualizzare un’immagine sotto ogni post che invita all’iscrizione dei feed rss.

wp-holidays summer image

Se volete provare ad usarlo potete dare un’occhiata alle guide realizzate dei due tizi…

La cosa simpatica è che da ieri sera wp-holidays è stato approvato dallo staff di wordpress.org, ed adesso si trova nel repository ufficiale

Questo, in teoria, dovrebbe permette l‘aggiornamento automatico. 🙂

Vorrei però in questa sede dare uno squardo a come funziona esaminando le chiamate alle funzioni di wordpress utilizzare.

Possiamo dividere il comportamento del plugin in due sezioni: lato blog (di cui ci occuperemo in questo post)e lato amministrazione (nei prossimi giorni).

La visualizzazione al fondo di ogni post è stata resa possibile utilizzando l’hook fornito da “the_content”.

add_filter(‘the_content’, ‘wp_holiday_filter’);

Con questa chiamata ogni volta che viene utilizzata la funzione “the_content” all’interno del nostro template viene attivata anche l’esecuzione della nostra procedura “wp_holiday_filter”

function wp_holiday_filter( $any=” ) {



$any .= “

“;

return $any;

}

Tralasciando quello che succende all’interno di questa funzione è interessante notare che viene passato un parametro (che io ho in modo assolutamente personale ho chiamato $any) nel quale è presente tutto il contenuto del post che verra visualizzato nelle nostre pagine.

Nel nostro caso è qundi sufficente aggiungere il codice per la visualizzazione della nostra immagine…

Per complicare un po’ le cose tra le opzioni configurabili tramite l’amministrazione abbiamo inserito la possibiltà di escudere la visualizzazione dalla nostra immagine dell’ homepage.

function wp_holiday_filter( $any=” ) {

if ( $wp_holiday_display == “nohome” && is_front_page() ) {

// check if we can diplay the image

} else {

$any .= “

“;

}

return $any;

}

Questo controllo viene fatto tramite la verifica di una variabile ” $wp_holiday_display” ed il controllo del valore della funzione “is_front_page()” che restuisce “true” se ci troviamo in home page.

Ma nel caso non volessimo visualizzarla neppure nelle singole pagine in quanto abbiamo decisodi posizionarla nella nostra sidebar?

Ecco che ci viene in auto un altra opzione configurabile tramite l’amministrazione che escude l’attivazione dell’hook


$wp_holiday_position = get_option(‘wp_holiday_position’);

if ( $wp_holiday_position == “after-post” ) {

add_filter(‘the_content’, ‘wp_holiday_filter’);

}

Vediamo come la variabile “$wp_holiday_position” sia valorizzata utilizzando “get_option“, poi controllando il valore viene valutato se attivare il filtro.

Se l’hook non viene attivato dobbiamo inserire nel codice php della nostra sidebar dove visualizzare l’immagine: ho creato quindi due funzioni richiamabili da template.

function wp_holiday( ) {

echo wp_holiday_filter();

}

function get_wp_holiday( ) {

return wp_holiday_filter();

}

La due funzioni permettono rispettivamente la stampa dell’output o, nel caso ne avessimo bisogno per un’ulteriore elaborazione, la gestione del codice html prodotto.

Per il momento mi fermo qui, nel prossimo post vedremo in quale modo è stata creata la pagine di amministrazione e come è sia possibile salvare le opzioni utilizzando le funzioni offerte dal motore di wordpress.

Questa la pagina per la segnalazione di bug e suggerimenti per la prossima versione.