Categorie
pensieri ... e parole

Andare alla fonte

Da qualche settimana ho aggiunto al mio aggregatore alcuni “nuove” fonti. In verità dire “nuove” è un po’ un eufemismo in quanto si tratta di blog decisamente conosciuti ma che per quanto mi riguarda hanno iniziato a fare parte delle mie letture giornaliere da pochissimo tempo.

Voglio provare in questo modo a raggiungere la “notizia” senza passare dalla ripubblicazione dei siti italiani e nel frattemo acquisire un po’ più di confidenza con la lingua inglese.

andare-alla-fonte

La selezione fatta raccoglie siti il cui argomento principale riguarda il web design e la programmazione web decidendo di escluderemostri sacri” come engadget, gizmodo, mashable e gigaom.

Sto però valutando l’inserimento di blog un po’ più “personali” come quello di Robert Scoble, Simon Willison e John Resig ma dando una veloce occhiata al loro archivio non ho trovato molti elementi di mio interesse.

Ecco quindi le “nuove” letture che sarei però lieto di ampliare dietro i vostri consigli.

  1. A list a part
  2. ars technica
  3. css3.info
  4. Life hacker
  5. problogger
  6. sitepoint
  7. sixrevisions
  8. smashingmagazine
  9. techcrunch
  10. Tips & Tricks for ASP.NET

Un’ultima richiesta: se qualcuno di voi usa Google Reader mi piacerebbe scambiare i post “condivisi“. Ho iniziato a farlo con Gioxx e la trovo un’attività molto “stuzzicante”.

Categorie
pensieri ... e parole software wordpress

WordPress 2.7 – update

Questa mattina ho aggiornato questo blog ed anche qua sembra che sia tutto ok.

bacheca-wordpress-27

L’unico “problema” riscontrato è stato con Lighter Menus che se attivato fa “sparire” la barra del menu laterale.
Per arrivare al pagina di gestione plugin, che mi avrebbe permesso di disattivarlo, ho dovuto digitare l’indirizzo manualmente (nomesito.com/wp-admin/plugins.php).

Già che c’ero ho disattivato anche Admin Big Width che con questo aggiornamento è diventato completamente inutile.

Finito l’aggiornamento, fatto con il plugin automatic upgrade, in bacheca avevo un avviso che mi indicava la presenza di un ulteriore aggiornamento: Si trattava della localizzizzazione in italiano.

Ho quindi colto l’occasione per provare l’aggiornamento automatico nativo… che è fallito per problemi di permessi sul server. 🙁
Ho provato quindi a fare un chmod resettando i permessi e questa volta è andato tutto liscio.

Per chi è in hosting questa cosa potrebbe dare qualche fastidio ma qualche giorno ho leggevo di una modifica al file di configurazione che dovrebbe risolvere aventuali problemi.

Concludo con un un piccolo commento che ho chiesto all’amico di ieri.

Molto più chiaro, molto più evidente, molto più intuitivo.

Mi hanno aggiornato WordPress alla versione neonata 2.7 e sembra che i miei blog non subiscano danni gravi.
L’impressione è che l’impostazione delle pagine sia più vicina alle capacità del blogger medio… diciamo non professionista.

All’apertura trovi tutto lì in qualche riquadro ed una banda laterale che fa da menù. Immediata la gestione dei post e delle pagine, dei media e naturalmente dei commenti. Come anche quella dei link presenti nel blog.
Insomma è tutto già pronto nella barra laterale.

Interessante per avere un panorama del proprio lavoro il box col numero di post, pagine, categorie e quant’altro (ma ho il dubbio che mai mi servirà praticamente) e molto interessante il box per il Quickpress. In pratica se avete uno scoop improvviso da pubblicare prima di tutti dovreste essere in grado di farlo (!!!)
Ora naturalmente aspettiamo wordpress 2.7 alla prova dell’uso quotidiano per scoprire cosa è perfetto e cosa invece funzionava meglio prima.

p.s. (importante)
L’impressione è che sia anche un pò più veloce…