Categorie
pensieri ... e parole segnalazioni

Avvistamento Mecha su Torino

Avevo visto alcune foto delle sue opere su Facebook, poi quest’anno a Torino Comics ho avuto modo di ammirarle in tutta la loro imponenza. Sono bellissime.

Sto parlando di Andrea Gatti, un disegnatore di torino che sta portando avanti un progetto personale in cui i protagosti sono i Robottoni degli anni 80 ambientati in un alcune città italiane contemporanee. (tra cui anche Torino)

Nella pagina di progetto “Mecha” troviamo scritto:

Immagini di più recente produzione in cui gli eroi robot di tanti anime giapponesi visti nell’infanzia, tornano in azione. Questo stile, molto pittorico, a tratti quasi approssimativo, è stato scelto per il piacere concesso da un tratto più libero per meglio coniugare i robot giganti in un contesto urbano e riconoscibile. Il riscontro dei molti appassionati del genere, ma non solo, è stato immediato.

Questa alcune anteprime dei suoi lavori:

Link bonus:
Non vi piacciano i Mecha e preferite le principesse?
Andate sul sito di Jirka Vinse Jonatan Väätäinen e date un’occhiata al suo progetto “Real Life Disney”

 

Categorie
plugins segnalazioni wordpress

WordPress: Organizzare la Media Library

Più di un cliente mi ha chiesto un sistema per organizzare meglio la “media library” in modo da rendere più facile e veloce la ricerca delle immagini già inserite.

In alcuni casi sono andato a creare a mano una tassonomia da agganciare direttamente agli attachment ma per valorizzarla era poi necessario andare nella pagina di dettaglio della singola immagine.

Con Enhanced Media Library possiamo risolvere il problema creando una categorizzazione deli diversi contenuti oppure una suddivisione per tipo (mime-type).

wordpress-enhanced-media-library-filter

Anche se questo plugin non dovrebbe impattare con le perfomance sul frontend ne consiglio l’uso solo a chi gestisce una libreria molto grossa e deve riutilizzare immagini già caricate in passato.

Categorie
sviluppo wordpress

WordPress: Aggiungere campi per profilo facebook e twitter agli utenti

In molti siti, al fondo degli articoli, quando il template lo supporta è presente un box con i dati dell’autore che lo ha scritto.

Queste informazioni vengono prese dalla pagina di pagina di profilo utente che di default prevede nome, mail, sitoweb e descrizione, per l’avatar in genere viene usato il servizio offerto da Gravatar (che è un’altro dei tanti servizi Automattic) ma per la gestione dei link ai profili social dobbiamo fare un po’ di lavoro.

Questa la mia soluzione:

add_filter('user_contactmethods', function ($profile_fields) {
// Nuovi campi
$profile_fields['twitter'] = 'Twitter ';
$profile_fields['facebook'] = 'Facebook ';
$profile_fields['gplus'] = 'Google Plus';
// Remove old fields
unset($profile_fields['aim']);
return $profile_fields;
});

Per leggerle è semplicissimo:

get_the_author_meta('twitter')

Questo il risultato su uno dei miei ultimi lavori:
user-bio

Rispetto all’utilizzo di un plugin rimane ovviamente molto più leggero e ci permette di integrare il tutto all’interno del nostro template.

Categorie
sviluppo wordpress

Usare JetPack anche sviluppando in locale

Per chi ancora non lo conosce JetPack è un plugin sviluppato direttamente da Automattic che raccoglie al suo interno diversi moduli. Attivabili o meno a bisogno.

Al momento (maggio 2015) sono presenti 35 moduli tra cui:

Il problema è che usare alcuni di questi moduli è necessaria una connessione ad internet e sopratutto l’autenticazione attraverso WordPress.com

Non però sempre è possibile sopratutto se si lavora in locale per sviluppare.

La soluzione è questo filtro che attiva la “development mode” (e che quindi non richide ne auteticazione ne connessione ad internet)

add_filter( 'jetpack_development_mode', '__return_true' );

Purtroppo in questo modo non tutti i moduli saranno attivi in quando alcuni per funzionare richiedono dati a server esterni (ad esempio Omnisearch, Related Posts).

Personalmente sono stato molto scettico sull’utilizzo di questo plugin ma vista la qualità del codice con cui è stato scritto e la quantità di funzionalità lo propongo sempre più spesso.