Un turista inquadra nel mirino un quadretto idilliaco: un uomo in abiti semplici che sonnecchia in una barca da pescatore tirata a riva, dove le onde si frangono sulla sabbia. L’otturatore scatta, il pescatore si sveglia. Il turista gli offre una sigaretta e inizia una conversazione: “Il tempo è splendido, il pesce non manca, perché lei se ne sta qui a far niente invece di essere in mare a pescare??.
“Perché ho già pescato abbastanza stamattina?, risponde il pescatore.
“Ma provi a pensare?, continua il turista, “se lei uscisse tre o quattro volte al giorno, potrebbe pescare tre o quattro volte quello che pesca adesso! E allora sa cosa succederebbe??. Il pescatore scuote la testa. “Nel giro di un annetto potrebbe comprarsi una barca a motore?, dice il turista. “In un paio d’anni potrebbe comprarsene una seconda e in tre potrebbe avere un cutter o due. E allora pensi! Un giorno magari arriverebbe a potersi comprare un impianto di surgelamento o un affumicatoio, alla fine potrebbe addirittura avere un elicottero per avvistare i branchi di pesci e segnalarli alla sua flotta di cutter, oppure potrebbe acquistare i camion per trasportare il pesce nella capitale, e a quel punto…?.
“A quel punto?? chiede il pescatore.
“A quel punto?, conclude trionfalmente il turista, “potrebbe starsene tranquillamente sulla spiaggia, a sonnecchiare al sole e a contemplare l’oceano!?. Il pescatore guarda il turista: “È esattamente quello che stavo facendo prima che arrivasse lei!?.

tratto da un racconto di Heinrich Böll

sull’argomento : http://www.anarca-bolo.ch/a-rivista/286/47.htm

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.