Quanto costa un sito web ?

Quali criteri adottate nello stabilire il prezzo del sito che state proponendo al vostro potenziale cliente?

Sul blog di Html.it c’è un interessante discussione a questo proposito.

Premesso che personalmente seguo più la parte di sviluppo che quella di preventivazione mi capita spesso di vedere dei preventivi preparati in base al cliente che ci sta davanti piuttosto che ad un analisi delle ore uomo.

Ma quanto vale un ora uomo ? 25 euro ?
Se prendiamo un professionista con qualche anno di esperienza forse ma quanti siti ci sono in giro fatti da stagisti improvvisati web-developpers ? In questo caso scenderei fino a 10 euro/ora.

Per quanto riguarda il riutilizzo di codice o di interi progetti, magari anche opensource ( mi riferisco a cms e/o wiki ), penso che non siano fattori che possano svalutare il prezzo del prodotto finito, ma anzi in alcuni casi possono essere la dimostrazione di una conoscenza delle esigenze del cliente in rapporto alla funzionalità che un deteriminato software.

Ritengo comunque fondamentale una conoscenza profonda del prodotto che andiamo a consigliare ( specificando eventualmente il fatto che si sta proponendo del codice opensource) che non si limiti alla procedura di installazione e all’interfaccia di configurazione via web.

5 commenti

  1. Io ti posso dare un’idea ragionando non da singolo web-designer/developer che si chiede che prezzo fare ma da amministratore di una web-company che ha impiegati specializzati nelle varie fasi del processo. Posso cioè dare un punto di vista un po’ diverso da quello che danno mediamente su Html.it.

    Per noi i prezzi dipendono dal prodotto, più che da un mero calcolo di ore di sviluppo. L’oggetto che ha un front-end ed un back-end, fornito di tutte le specifiche e le personalizzazioni richieste costa tot, se vuoi un ordine di grandezza, il back-end gestionale modulare che produciamo costa circa 1000 euri a modulo (mille per il modulo base, mille per il calendario, mille per i preventivi, mille per gli ordini, mille per il front-end e-commerce e così via). Ovvio poi che ci sono sconti ed altro.

    Questo perché comunque alla base di ogni nostro prodotto ci sono due cose, un investimento iniziale e, se c’è, la nostra capacità di riutilizzare la maggior parte del codice e di scrivere codice solido. Il guadagno arriva con il tempo, se arriva.

    Se produci qualità, io credo, il guadagno arriva.

  2. Il mio primo sito, ovvero quello che ce scritto li, l ho fatto in meno di 2 giorni grazie a web-link, naturalmente è il primo sito, sicuramente se l’avrei fatto fare ad un webmaster magari mi avrebbe sistemato i frame mettendoli in un macrofame ma il prezzo sarebbe salito a 200euro…
    L’altra volta sono rimasto invece sbalordito quando un ragazzo francese (naturalmente non un speculatore italiano) vendeva una struttura asp cn database a 10 euro. A questo punto mi chiedo se ci sia differenza tra notaio e webmaster (dove adirittura alcuni siti salgono a 10000euro). La differenza forse sta nel fatto che almeno il notaio lo dice: io mi frego 10000 euro per una firma, mentre il webmaster di nascosto dal cliente effettua un bel copia incolla cambiando la grafica in html… Complimenti!

  3. Sono daccordo con miky,
    secondo me a volte non si può calcolare quanto ci vorrà per realizzare un applicazione, specialmente se è un applicazione che in teoria sei in grado di sviluppare, ma in pratica non l’hai mai fatto.
    Perciò si fa una stima e si da un prezzo considerando sia quanto si pensa che ci vorrà (quante ore di lavoro) sia considerando la complessità e le richieste del cliente.

    Cioè voglio dire, se un cliente mi chiede una cosa molto complessa io spero che lui sappia che quello che mi chiede ha un costo elevato altrimenti stiamo solo perdendo tempo.

    Cmq per fare correttamente un preventivo ci vuole un attenta analisi e un incontro con il cliente.

  4. Se ti serve un sito web semplice, ma carino e funzionale, guarda qui:
    http://w**.sitowebeconomicoebello.com/
    Con soli 150€ hai un dominio web con il nome della tua attività, 3 caselle e-mail personalizzate, scelta tra due layout grafici e personalizzazione dei colori, 3 pagine web (Chi siamo, Prodotti e/o Servizi, Contatti), modulo di contatto veloce verso la tua e-mail.
    Dal secondo anno, il canone di mantenimento è di 100€/anno.

    Questa è la demo:
    http://w**.sitowebeconomicoebello.com/demo/Orizzontale/Verde/

    Ciaoo

  5. @Graziana,
    spero mi perdonerai la franchezza ma il tuo commento mi sa tanto di marchetta.
    questo post è pittosto datato (2006) e non ritengo sia in topic con quanto da me scritto.

    rispondendo invece alla tuo commento penso che esistano servizi migliori su cui indirizzare un cliente, a partire da wordpress.com (i cui servizi freemium costano decisamente di meno) e finendo con http://www.sitonline.it che ha offerte che parto da 10 euro.

    update:
    fantastico…
    il tuo nome tra i credis di taggati.it mi era sfuggito.
    se state facendo maketing in questo modo siete proprio messi bene… 😀

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.